Il business al servizio della società - Laura Credidio Architetto | Marketing e Comunicazione
Laura Credidio Architetto, consulente marketing e comunicazione
consulente, marketing e comunicazione, bologna
828
post-template-default,single,single-post,postid-828,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-13.5,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Il business al servizio della società

Come trasferire ai futuri nuovi manager passione e ideali?  Ci ha provato con grande successo Tim Cook, CEO di Apple, con il discorso all’inaugurazione dell’anno accademico 2015-2016 dell’Università Bocconi a Milano.

Il business al servizio del bene pubblico.

Un mix sapiente di marketing e passione nel raccontare le connessioni fra la sua azienda e l’Italia, e nel trasferire agli studenti quanto il loro lavoro potrà in futuro influenzare e migliorare la vita delle persone.

L’italia è il paese del design, dove la forma incontra la funzione attraverso l’ispirazione; il paese dove eccellenza vuol dire “making the best”  e non necessariamente “the most”. Insieme a Tim Cook c’era anche Luca Maestri, CFO di  Apple, laureato alla Luiss di Roma. Un po’ di Italia a Cupertino.

bocconi_cookMa come migliorare il mondo? Non possiamo pensare di lasciare che questo compito sia delegato ai governi. Le aziende, attraverso i loro imprenditori e i loro manager, hanno una responsabilità fondamentale verso la società.  Ne devono proteggere l’ambiente, che si parli di cambiamenti climatici o di eque opportunità.

I leader hanno l’obbligo di abbattere le emissioni.
La tutela dell’ambiente deve far parte degli obiettivi strategici aziendali. 

I leader hanno l’obbligo di abbattere le diseguaglianze. Lavorando in team, esaltando le diversità di lingua, cultura, sesso e condividendo le informazioni con mente aperta anche verso i competitor.

I valori non sono legati al profitto ma guidano e ispirano per migliorare.

Agli studenti dice “potete far sentire la vostra voce, siete cittadini del mondo”. La prima generazione che può parlare al mondo intero senza barriere, con la sola forza delle idee.“Avete una incredibile opportunità nel vostro futuro, quasi obbligo nei vostri confronti e nei confronti del mondo: fare qualcosa al servizio di uno scopo, di un proposito nobile. E potete farlo attraverso il vostro lavoro”.

Il principio ispiratore per le aziende e i manager che le guidano dovrebbe essere uno solo: contribuire a creare un mondo migliore di quello che si è trovato.